lunedì 28 dicembre 2009

Software libero, proprietario e Open Source

Tutti sanno qual'è la differenza tra un software libero e uno proprietario, ma molti credono che Software libero e Open Source siano la stessa cosa. Invece tra le due definizioni esistono delle leggere differenze. Questa confusione nasce dal fatto che entrambe sono accomunate dalla condivisione del codice sorgente.

Invece un software è open source se i termini secondo i quali viene distribuito rispondono alla Open Source Definition dell'Open Source Initiative (OSI): in particolare, se una licenza rientra in tale definizione, allora tale licenza può essere dichiarata licenza open source. La definizione potrebbe cambiare nel tempo (nessuno garantisce che questo non possa accadere) e quindi è possibile che una licenza attualmente open source non lo sia nel futuro o viceversa. OSI è anche l'organizzazione che su richiesta certifica con il relativo marchio registrato il fatto che una licenza sia effettivamente aderente alla Open Source Definition. Recentemente l'OSI ha posto un freno al proliferare delle licenze dichiarando che cercherà di limitare il numero di licenze che nel futuro saranno ritenute licenze open source. Questo potrebbe, in linea teorica, far sì che una licenza ritenuta libera non venga ritenuta open source.

Una licenza invece è libera (o meglio, una versione di una licenza è libera) se e solo se rispetta le quattro libertà fondamentali. Pertanto se una versione di una licenza è libera, allora lo sarà per sempre. Naturalmente è sempre complesso, almeno per un cittadino "normale" (non esperto di leggi), stabilire se una licenza è libera o meno perché entrano in gioco i termini legali utilizzati nella stessa. Il progetto GNU si occupa tra l'altro anche di indicare se una licenza è libera o meno e se è compatibile con le licenze GNU o meno.

Questi tipi di approcci sono notevolmente differenti dalla concezione di software proprietario dove la distribuzione, modificazione e riproduzione sono imposti dal proprietario attraverso licenze, copyright e brevetti. Tecnicamente nel software proprietario viene reso pubblico solamente i codice binario trattenendone il codice sorgente.

martedì 15 dicembre 2009

La sicurezza di Topo Gigio

Gli atti di violenza sono da condannare, TUTTI.
Da quello che è successo a Berlusconi il 13 Dicembre ai ragazzi delle scuole manganellati dalla polizia nelle manifestazioni o i militari mandati in Afghanistan cui viene detto di portare sollievo alla popolazione e che invece muoiono negli attentati dei taliban.

Quello che fa paura è la spettacolarizzazione di tutto. Berlusconi dopo essere stato colpito e soccorso nella macchina, è uscito mostrandosi ancora. Quello che mi chiedo è se i servizi di sicurezza, in questo caso sono gestiti da Topo Gigio?

Perchè, un servizio di sicurezza che affermi di essere tale, per prima cosa sarebbe riuscito ad evitare il lancio da cestista del pazzo visto che stava lì tranquillo a prendere la mira, inoltre non avrebbe mai permesso che Berlusconi uscisse di nuovo dalla macchina!!!
Pensate se fosse stato un attentato serio, dove il lancio di qualcosa è usato come diversivo e poi scoppia una bomba, sarebbe stata una carneficina.
Inoltre un servizio di sicurezza come si deve non avrebbe permesso a Berlusconi di avvicinarsi alla folla, cosa che lui fa regolarmente, nonostante i Servizi abbiano avvertito della possibilità di qualche atto inconsulto da parte di squilibrati.
Aggiungo che su Berlusconi ci sono stati due lanci e due centri, quindi qualcosa nel sistema di sicurezza non va.

Ora vi racconto cosa....

Gli uomini della scorta delle cariche istituzionali sono fornite dai cosidetti Servizi. Nelle uscite pubbliche è il capo della squadra che decide da dove passare, quando partire, quando restare, una persona addestrata a fare queste cose.
Nel caso di Silvio Berlusconi no. Questi uomini sono assunti da lui ed è lui che comanda quindi lui decide da dove passare, quando partire e quando restare

Quello che è successo è anche il risultato di una falla nella sicurezza perchè a dirigerla non c'era una persona addestrata a farlo.

Per tutte le altre quastioni sui motivi e sulle conseguenze di quello che è successo vi rimando a questo video di Marco Travaglio che condivido tranne che sulla questione dell'odiare.

domenica 6 dicembre 2009

Una minestra insipida e fredda

Il Segretario del Partito Democratico Bersani ha commentato l'assenza del PD alla manifestazione del 5 Dicembre No B-Day, dicendo che il partito di cui è segretario non può "imbucarsi" e seguire i movimenti di piazza. Questo tipo di risposta è una NON risposta, nel senso che sembra quasi voglia prendere le distanze dalla piazza e di conseguenza dal significato della manifestazione.

Inoltre ha dichiarato che le decisioni del partito vanno prese tramite "collettivi". Cosa rievoca questa parola? Allora è vero che ci stanno riproponendo sempre la stessa minestra. Quella minestra insipida carente di proposte concrete e buona solo per dire no.

Sulle proposte, afferma che esiste una "bozza Violante" a riguardo. La stessa presentata quasi un'anno fa, dove si prevedeva un senato federale e si toccavano punti come la diminuzione dei parlamentari e la facoltà di essere eletti in parlamento a 18 anni, la regolamentazione dei decreti legge dell'esecutivo, la facoltà del premier a nominare e revocare i ministri, solo per citare alcuni punti.
Questa bozza naufragò perchè come al solito non si misero d'accordo Pd e PdL.

Rimane un fatto, che Bersani non ha smesso di parlare politichese e dopo qualche minuta risulta soporifero.

Infine un'accenno alle regionali, quando l'Annunziata chiede come andranno, risponde arrossendo e toccandosi il naso: "Bene, bene..."

Abbiamo capito, rimarrete all'opposizione per lungo tempo perchè la vostra è una minestra insipida e fredda

mercoledì 2 dicembre 2009

Da centro politico-culturale a discarica illegale dell'Europa

A Giardinetto, nell'agro di Troia, provincia di Foggia, è stato effettuato il sequestro di una vasta area dove sono stati interrati illegalmente rifiuti tossici provenienti da tutta europa. Si tratta di metalli pesanti, amianto, cromo esavalente, benzene e via dicendo. Ben visibili ci sono sacchi contenenti amianto con etichette di industrie tedesche, inoltre nel terreno sono stati interrati fanghi tossici pari a 250.000 tonnellate provenienti da Germania, Francia, Corea del Sud, Italia settentrionale e perfino L'Enichem di Manfredonia.

L'agro di Troia, che è stato il centro dell'Europa del Sacro Romano Impero sotto Federico II di Svevia, è stata trasformata nella discarica illegale più grande d'Europa.
Qui la dimostrazione che la malavita non ha cura del proprio territorio, come invece la stessa sub-cultura mafiosa vuole far credere. C'è anche la dimostrazione che esistono in Europa industrie compiacenti a smaltire i proprio rifiuti illegalmente.

Queste industrie devono pagare al pari della malavita perchè anche loro SONO la malavita.

Hanno rovinato un territorio ricco di storia e cultura ma sopratutto hanno minato la salute delle persone che vivono nell'agro di Giardinetto. E' infatti riscontrata nella zona un'incidenza di neoplasie molto al di sopra della media. Queste persone, oltra ad avere il diritto ad essere tutelate, devono essere RISARCITE dalle industrie europee che hanno usato la malavita per smaltire i propri rifiuti.

Se in Italia fosse possibile utilizzare la Class Action, sarebbe molto più facile da parte degli abitanti di Giardinetto avere giustizia. Tutto questo non è possibile perchè la Class Action è ferma in Parlamento, che al momento si sta occupando degli interessi di una sola persona.

VERGOGNA!!!!

A seguito c'è la conferenza stampa del procuratode capo di Lucera Massimo Lucianetti


venerdì 27 novembre 2009

Infusione di terrore

Il Presidente del consiglio Silvio Berlusconi ha dichiarato che una forza eversiva "attenta alla vita del governo" e che "tutto questo rischia di portare il Paese sull'orlo della guerra civile".

Il riferimento è ai magistrati che sono contro la legge sul processo breve che lui vuole imporre così da evitare i processi che ha a carico. Un'imposizione indebita perchè, secondo Costituzione Italiana, il potere legislativo è del Parlamento mentre al Governo spetta il potere esecutivo.
Ma la sua forte agitazione è dovuta al fatto che all'orizzonte si delineano anche accuse di associazione esterna di stampo mafioso. Una cosa che toglierebbe il sonno a chiunque, specie se si ha la coscienza sporca. Quindi l'attacco a tutto campo con una nuova infusione di paura e terrore nel cittadino medio italiano che si vede prospettare l'ombra della guerra civile.

Il nostro caro premier deve capire che le guerre civili scoppiano quando il popolo è affamato e chi ne fa le spese è sempre chi governa. Certo se il governo continua a pensare solamente agli affari personali di Silvio Berlusconi mettendo da parte e rimandando interventi importantissimi sul lavoro, sulla tutela delle fasce più deboli, molta gente verrà affamata. Allora si, si potrà iniziare a parlare di guerra civile, ma a farne le spese quasi sicuramente sarà lui, la sua famiglia e i suoi servi.

martedì 24 novembre 2009

domenica 22 novembre 2009

Offese all'intelligenza degli italiani

Oggi il procuratore aggiunto di Milano, Armando Spataro, ha dichiarato le sue perplessità sul disegno di legge sul "processo breve" tanto agognato dal nostro premier. Ha smentito il ministro della Giustizia Alfano sulla necessità di tale norma e ha argomentato sui danni ai processi in corso da parte di tale riforma.

Subito si è fatta sentira la risposta del PdL nei metodi che sono loro più consoni, gli spot pubblicitari e l'infusione del terrore. Maurizio Gasparri, capogruppo PdL al Senato, ha parlato di "progetto eversivo" e Fabrizio Cicchitto, capogruppa PdL alla Camera, che ha lasciato intendere che Spataro appartiene "a quel ridotto nucleo di magistrati che sono i protagonisti di questa offensiva contro gli equilibri politici stabiliti dagli elettori".

Proprio Cicchitto parla di offensiva agli equilibri politici, lui che era iscritto alla P2, tessera n. 945. La stessa persona definita da Licio Gelli "un caro amico e una persona perbene", detto da Gelli....

La P2 che attraverso il piano di rinascita democratica (testo intergale qui) voleva prendere il potere in Italia attraverso un "autoritarismo legale"

Le parole di Cicchitto offendono l'intelligenza degli italiani

venerdì 20 novembre 2009

marketing politico

Lo psiconano dice di essere l'uomo più perseguitato della storia di tutti i tempi, manco avesse subito le innumerevoli disgrazie del Giobbe biblico.
Afferma di essere stato sottoposto a 106 processi!!!

Sbagliato

In realtà i processi affrontati sono stati 22 di cui 4 ancora in corso.

I 4 in corso sono: corruzione in atti giudiziari per l'affare Mills; istigazione alla corruzione di un paio di senatori (la procura di Roma ha chiesto l'archiviazione); fondi neri per i diritti tv Mediaset (in dibattimento a Milano); appropriazione indebita nell'affare Mediatrade (il pm si prepara a chiudere le indagini).

Degli altri 18 solo 6 sono finiti con assoluzione: Quattro dei quali formula piena, ma per l'affare "Sme-Ariosto/1" (la corruzione dei giudici di Roma) e All-Iberian, l'assoluzione è dovuta alla legge ad personam sulla depenalizzazione del falso in bilancio.
Due volte con la formula dubitativa del comma 2 dell'art. 530 del Codice di procedura penale che assorbe la vecchia insufficienza di prove.

Bisogna aggiungere che due amnistie estinguono il reato e cancellano la condanna inflittagli per falsa testimonianza (aveva truccato le date della sua iscrizione alla P2) e per falso in bilancio (i terreni di Macherio).

Per altre 5 volte è salvo con le "attenuanti generiche" che si assegnano a chi è ritenuto responsabile del reato.

Quindi occhio al marketing politico che tanto piace allo psiconano

venerdì 13 novembre 2009

Eden V

Inchiesta di RaiNews24 sulla nave Eden V, arenata sulle spiagge di Marina di Lesina, in Puglia sulle coste del Gargano



I servi applaudono, i cittadini subiscono

Ancora una volta assistiamo all'ennesima prepotenza dello psiconano, ma questa forse è la più sporca, la più subdola, la prepotenza di chi si sente il padrone indiscusso di tutto ciò che si trova nei confini italici.
Gli innumerevoli problemi del paese non vengono affrontati con interventi decisi dal parlamento perchè lo psiconano ha puntato i piedi, "in parlamento bisogna rimandare tutto, anche la finanziaria", bisogna prima occuparsi dei suoi problemi, cioè i diversi processi che lo vedono imputato.
E' stato presentato un disegno di legge in cui gli imputati incensurati, godranno di termini di prescrizione più brevi, inoltre questa norma avrà valore retroattivo. Questo disegno di legge, per "dictat" dello psiconano ha precedenza su tutto e "deve" essere approvato dal parlamento prima di Natale (guardate la data di oggi e pensate invece quanto deve aspettare un comune cittadino per avere una legge che lo tuteli, tipo una legge sulla "class action").
I reati destinati ad andare in prescrizione sono: abuso d'ufficio, corruzione semplice e in atti giudiziari, rivelazione di segreti d'ufficio, truffa semplice o aggravata, frodi comunitarie, frodi fiscali, falsi in bilancio, bancarotta preferenziale, intercettazioni illecite, reati informatici, ricettazione, vendita di prodotti con marchi contraffatti; traffico di rifiuti, vendita di prodotti in violazione del diritto d'autore, sfruttamento della prostituzione, violenza privata, falsificazione di documenti pubblici, calunnia e falsa testimonianza, lesioni personali, omicidio colposo per colpa medica, maltrattamenti in famiglia, incendio, aborto clandestino.

Questa cosa fa orrore, lo psiconano pretende l'impunità, come si addice ad un vero dittatore e tutti (o quasi) i servi di partito applaudono e scattano come molle ai suoi ordini.

Le conseguenze saranno che processi tipo crack Parmalat e Cirio (solo per fare alcuni esempi) andranno immediatamente in prescrizione. E i cittadini onesti danneggiati da questi reati? Non hanno forse diritto a ricevere giustizia?
A quanto pare sono sacrificabili nel nome dell'impunità dello psiconano.

I servi applaudono, i cittadini subiscono

mercoledì 11 novembre 2009

Trasformismo politico

Francesco Rutelli fonda un nuovo partito, si chiama Alleanza per l'Italia.
Si proprio lo stesso Francesco Rutelli che era del Partito Radicale, La Margherita e poi PD.
Lo stesso Francesco Rutelli che è stato sindaco di Roma per 8 anni, anni di clientelismo e carenza di servizi nella Capitale. Lo stesso che qualche anno fa si è ricandidato come sindaco a Roma e ha ricevuto una sonora sconfitta da parte di Gianni Alemanno. A questo proposito volevo ricordare che in quelle elezioni, i cittadini hanno votato il PD alla provincia (con vincitore Zingaretti) e Alemanno al comune. Segno che di Rutelli i romani non ne volevano sentire più parlare a causa della sua amministrazione inefficente e clientelare.
Ora che Bersani è stato eletto segretario del Partito Democratico lui va via, per fortuna aggiungerei....
Ma bisogna chiedersi il perchè di questa fuoriuscita, si potrebbe ipotizzare che, per come si stanno mettendo le cose nel PD, lui non avrebbe potuto avere nessuna poltrona, nessun posto nella stanza dei bottoni.
E' oramai chiaro che il suo trasformismo politico è frutto della fame di potere (o poltrone). Francesco Rutelli dovrebbe capire che prima o poi bisogna lasciare, se i cittadini non ti vogliono (vedi Roma) bisogna farsi da parte, la politica non è un mestiere ma è amministrare la cosa pubblica per il bene del popolo.
Questo Francesco Rutelli lo ignora, lui crede che la politica sia un arraffa arraffa di poltrone...
No caro Francesco, non è così e i cittadini ti puniranno di nuovo alle urne...

mercoledì 4 novembre 2009

Manifestare oggi

Oggi in Italia non è possibile manifestare pacificamente, chi governa non ammette contestazioni e dissidenti, esiste solo la loro arringa senza nessuna controparte.
Fanno in modo che per poter manifestare si debba per forza alzare la voce, in modo che, se la situazione degenera, diranno "ecco i violenti, i nemici della libertà".

Ecco cosa succede oggi in Italia a chi vuole manifestare in maniera pacifica


Scoperte scientifiche e paure infondate

E' di qualche giorno fa la notizia che un gruppo di ricercatori è riuscito ad ottenere dalle cellule staminali, le cellule germinali maschili e femminili. In poche parole si sono ottenuti ovuli e spermatozoi da cellule staminali. Un grande passo avanti della scienza nel campo della ricerca sulla sterilità.
Ma come al solito ci sono i catastrofisti o i facili moralizzatori che hanno messo in guardia da questo tipo di ricerca, perchè c'è la possibilità teorica di far nescere un figlio senza genitori.

Sbagliato

Prima di tutto perchè in ogni caso il nascituro sarebbe figlio genetico dei donatori di cellule staminali.
Secondo, perchè non è la scienza a promuovere comportamenti eticamente discutibili, ma l'uso che l'uomo fa delle scoperte scientifiche. Quindi è tutto in mano all'uomo, come sempre...

Se fosse per questi "moralizzatori dell'ultima ora" oggi saremmo ancora nelle caverne a cibarci di radici.

Ieri è toccata a questa scoperta sensazionale, oggi al virus A H1N1, quello dell'influenza. Si scatena il panico per 18 morti a causa di questo virus, ma non tutti sanno che la "comune" influenza, l'anno scorsa ha fatto 3000 vittime solo in Italia.

Caos infondato lo chiamo, ma tutto questo a favore di chi? Ci deve essere qualcuno che trae vantaggio da tutto questo...

A voi le risposte

Un saluto

venerdì 30 ottobre 2009

Halloween

Domani è la serata di Halloween, una ricorrenza da me molto gradita e un buon motivo per fare festa in compagnia, esorcizzando il tutto con un pò di sano horror.
Alcuni amici mi dicono: "Festeggi Halloween?!?!?! Ma è una festa americana, non fa parte della nostra tradizione...".

Sbagliato

L'origine della festa di Halloween risale al pre-cristianesimo e affonda le sue radici nel più remoto passato delle tradizioni europee. A quel tempo le popolazioni tribali dividevano l'anno in due parti in relazione alla transumanza del bestiame e il periodo tra Ottobre e Novembre rendeva necessario mettere il bestiame al coperto in vista dell'inverno. Questo appunto è il periodo di Halloween.

Sono stati i Celti a diffondere questa ricorrenza in tutta Europa. Nella loro tradizione di circolarità del tempo, questo periodo era il punto di passaggio dall'anno vecchio all'anno nuovo, quando il velo che divide il mondo dei vivi e quello dei morti si assottiglia. I celti non temevano i loro defunti ed erano soliti lasciare del cibo sulla tavola riservato ai morti, quale segno di accoglienza.
In molte parti del sud c'è ancora questa ricorrenza di lasciare del cibo per i morti che vengono a fare visita la notte di Ognissanti, Halloween appunto. Infatti in molte regioni meridionale, la calza piena di dolciumi viene portata dai defunti e non dalla Befana il 6 Gennaio.

Questo tipo di tradizione è stata soppiantata dal Cristianesimo con l'introduzione della festa cristiana di Ognissanti, così come è successo a tutte le feste pagane che oggi vediamo tramutate in ricorrenze cristiane. Dal Natale alla festa di S.Giovanni il giorno dell'ingresso dell'estate.
In ogni caso il cristianesimo ha dovuto compensare questa antichissima tradizione introducendo il 2 Novembre (giorno successivo ad Halloween) la giornata della commemorazione dei defunti.

Poi questa festa è stata esportata nel Nuovo Mondo dagli europei migranti, col passare del tempo è diventata una festa commerciale, così come accade a molte feste nord-americane. In seguito ha fatto ritorno in Europa col suo carico di merchandising.
Non perdiamo di vista però che dietro tutte le maschere, i dolcetti e il consumismo legato ad Halloween c'è una delle più antiche tradizioni europee.

Un saluto

giovedì 29 ottobre 2009

Ubuntu 9.10 Karmic Koala

E' disponibile la nuova versione del sistema operativo Ubuntu. Questa è la versione 9.10 chiamata Karmic Koala e si prefigge il compito di fornire un sistema operativo per i vostri pc che sia funzionale, intuitivo e ad alto contenuto tecnologico.
Potete scaricare il sistema operativo direttamente cliccando qui
Il tutto completamente gratuito come in classico stile Linux

Un saluto

mercoledì 28 ottobre 2009

Non siamo servi di nessuno

Ho assistito all'esultanza di molte persone del filone psiconano, per la questione in cui si è trovato l'ex Governatore del Lazio.
Tutti che chiedevano a gran voce le dimissioni, addirittura persone con più fascino che intelligenza (vedi Gasparri) che berciavano sulla privacy del premier e quella di Marrazzo alludendo a 2 pesi e 2 misure...

Allora... Facciamo ordine iniziando con le similarità tra il caso Marrazzo e il caso Berlusconi

Entrambi personaggi pubblici (che amministrano la cosa pubblica)
Entrambi hanno fatto sesso a pagamento
Entrambi sono "utilizzatori finali" come li ha definiti il genio Ghedini, solo che Berlusconi con una escort e Marrazzo con un transessuale. Ma anche qui non c'è nessuna differenza, a meno che qualche omofobo voglia insinuare il contrario.
In entrambi i casi c'è anche qualcosa di più torbido, come l'uso di cocaina. Ce n'era a casa della transessuale così come la trafficava l'uomo che forniva le escort a Palazzo Grazioli.

Ora vediamo le differenze
Marrazzo è sposato, Berlusconi in via di divorzio
Berlusconi prometteva posti di lavoro, candidature alle sue escort, Marrazzo no
Berlusconi declinava impegni istituzionali per stare con le donnine, fino ad ora questa cosa non risulta per Marrazzo
Marrazzo si è dimesso, ha fatto il mea culpa e lascia la politica.
Berlusconi no, non risponde alle domande, si pone in modo arrogante al di sopra di tutti, attacca chi lecitamente chiede di rispondere, facendo killeraggio politico (attraverso i suoi sudditi/giornali) e infondendo la paura dei "comunisti" "toghe rosse" ecc.

Un proverbio recita: Chiedere è lecito, rispondere è cortesia. Lui non ammette domande, perchè secondo il suo modo perverso di vedere le cose, non è lecito porgliele. Non risponde perchè è "il miglior primo ministro di tutti i tempi" (secondo lui) e non deve dare conto a nessuno del suo operato.
Falso, lui deve dare conto del suo operato più di tutti, è il dovere di ogni persona che amministra la cosa pubblica e quindi ha il DOVERE di rispondere ai cittadini italiani.

La differenza maggiore però sta nel fatto che sul caso Berlusconi, i suoi sostenitori si sono imbufaliti (da buoni servi) perchè hanno attaccato il loro padrone, per il caso Marrazzo noi non ci siamo imbufaliti, perchè noi non siamo servi di nessuno....

Un saluto

martedì 27 ottobre 2009

I Guardiani Della Notte

I segnali sono chiari, quello che si respira, che si sente nell'aria è che la fine della seconda Repubblica oramai è alle porte.
La politica ha perso l'obiettivo di fare il bene del popolo lasciando spazio al solo bene di chi comanda. Il parlamento infatti pensa più alle questioni personali di un omino che al malessere sociale, alla disoccupazione, all'impossibilità del cittadino medio di programmare il proprio futuro.
Si assiste alla caduta di stile di personaggi pubblici travolti da vizi e debolezze, i quali hanno tutto alla portata di mano (o di portafoglio). Mentre la gente comune ha come sogno di poter comprare del cibo di qualità se non fosse costretta a fare i conti per arrivare a fine mese.
Nel grande come nel piccolo... Certo come diceva qualcuno, il pesce puzza sempre dalla testa, è vero...
Le scelte della testa condizionano tutto il corpo, se poi anche il resto del corpo è marcio? Cosa fare?
Perchè nel nostro quotidiano non abbiamo a che fare direttamente con "la testa" ma con il resto di tutto il corpo.

Da qui il titolo di questo blog: Guardiani della notte
Non importa chi tu sia, da dove vieni o che educazione hai ricevuto. I Guardiani della notte hanno il compito di proteggere e nell'era multimediale lo si può fare informando, divulgando il sapere.
L'informazione, il sapere, lo spirito critico proteggono i popoli e l'uomo dal dominio della paura e dell'ignoranza.
Come Guardiani della notte abbiamo il dovere di proteggere e su queste pagine eserciteremo il nostro compito

Un saluto